martedì 3 dicembre 2013

Massimo Donno presenta “Amore e Marchette” Winter Tour 2013 - 2014





Mentre prosegue, raccogliendo grandi consensi ed apprezzamenti la promozione di “Amore e Marchette”, il cantautore salentino Massimo Donno, si appresta ad un intenso tour promozionale che lo vedrà protagonista nei mesi di novembre, dicembre e gennaio sui palchi di tutta Italia da Nord a Sud. Il tour è stato reso possibile con il sostegno degli sponsor Masseria Piccapane (Cutrofiano, Le), Masseria Sant’Angelo (Corigliano D’Otranto, Le), Masseria Appidé (Corigliano D’Otranto, Le), e Le Terrazze Del Duca (Corigliano D’Otranto, Le). Di seguito tutte le date del tour:





MARTEDI 3 DICEMBRE
“Ti Saluto Dai Paesi Di Domani”
reading musicale sulla trilogia di Fabrizio de Andrè - con Ovidio Venturoso
Blink - Maglie (LE)

DOMENICA 8 DICEMBRE
duo con Francesco Pellizzari
Castello di Martano (Le)

LUNEDI 9 DICEMBRE
La Vereda, Bologna

MARTEDI 10 DICEMBRE
Bar De Marchi, Bologna

MERCOLEDI 11 DICEMBRE
Senza Nome, Bologna

GIOVEDI 12 DICEMBRE
Enosud, Milano

VENERDI 13 DICEMBRE
con Luca Barrotta (Fisarmonica)
Rosso Di Sera - Torino

SABATO 14 DICEMBRE
con Luca Barrotta (Fisarmonica)
Circolo Ristorante La Scuola, La Morra (CUNEO)

DOMENICA 15 DICEMBRE
Enoteca Monna Bianca, Lavagna (GENOVA)

GIOVEDI 19 DICEMBRE
Estemporanea di Musiche dal mondo
Notte Sacra a Copertino (LE) con Chiara Arcadi (Violino)

SABATO 4 GENNAIO
Teatro di Novoli (LE)
Quartetto con numerosi ospiti. (Presto dettagli)


MASSIMO DONNO - AMORE E MARCHETTE (LUPO EDITORE/ULULATI)

Pubblicato dall’Etichetta Ululati (Lupo Editore) nella primavera del 2013 “Amore e Marchette” è il disco di debutto di Massimo Donno. Inciso presso gli Studi Musicali Chora di Valerio Daniele, il disco contiene numerose collaborazioni, da Maurizio Geri a Francesco del Prete, da Guido Sodo (Cantodiscanto) a Nilza Costa, Ovidio Venturoso, Giuseppe Spedicato, Luca Barrotta, Morris Pellizzari, Alessia Tondo, Emanuela Gabrieli, Andrea Doremi, Emanuele Coluccia, Marcello Zappatore, Valerio Daniele. Il disco uscirà il 2 giugno 2013 preceduto dal video clip del singolo “Amore e Marchette”, realizzato da Gianni De Blasi.

Nelle undici tracce che compongono l'esordio di Massimo Donno c'è il segno di un cantautore che conosce la materia umana, e che ama mescolare l'ironia e la poesia alla quotidianità surreale dell'amore, fino a includere non solo le atmosfere - in un dialogo costante - ma anche le voci del passato prossimo di Pier Paolo Pasolini (nel brano "Tango") o del grande Alberto Sordi (in "Bologna A.D. 2012"), mescolandole al presente delle sue suggestioni autobiografiche, come fa ad esempio nella traccia dal titolo "Il mio compleanno".
Un cantautore, Massimo Donno, che non ha paura di guardarsi e, soprattutto, guardarci dentro con il ritmo di una musica leggera e ironica. "Amore e marchette", nuova produzione dell'etichetta Ululati, vanta, tra le collaborazioni di eccellenza, quelle con Massimo Geri (presente anche nel video del singolo "Amore e Marchette", realizzato dal talentuoso regista Gianni De Blasi), Nilza Costa (nel brano "Il bianco ed il nero") e Guido Sodo, nel brano intitolato "La colpa".
"Massimo Donno è un gatto che salta sui tetti della canzone d'autore italiana prendendosene la parte più nobile. Come un gatto ci fa le fusa, ci conquista per poi graffiarci quando meno ce lo aspettiamo. Come un prestigiatore muove le parole tra surrealismo e neorealismo. E' una capriola, una giostra un pugno e uno sberleffo un bacio e uno schiaffo. Cartina tornasole delle nostre vite imbarcate su fragili vascelli"
Oliviero Malaspina

MASSIMO DONNO RACCONTA “AMORE E MARCHETTE”

AMORE E MARCHETTE
Un canto di lavoro scritto nel 2013. Solo che la base non è folk ma è swing e non si parla di minatori ma di musicisti. Fare il musicista nel 2013 significa sopportare angherie, vessazioni, scendere a compromessi con la propria arte e con chi la “acquista”. Significa anche ridimensionarsi, reinventarsi e,  necessariamente, ridersi addosso.

IL BIANCO ED IL NERO
Nasciamo senza distinguere i colori. Gli anni passano e cominciamo a riconoscerli come tali solo dopo molto tempo. I colori sono come i vissuti che crediamo di percepire in un modo e che facciamo di tutto per inserire in dei casellari ben specifici. Il bianco da una parte, il nero dall’altra. Poi, in corso d’opera, ci accorgiamo di quanto sia interessante vedere come a volte la rottura di una diga non sia altro che una virtù della storia.

VALZER DEL LAVORATORE ATIPICO
La prospettiva occidentale ci induce spesso a leggere senza relativismi la storia. La prospettiva culturale da cui guardiamo il mondo ci permea rendendoci incapaci di operare discriminazioni individuali, soggettive. La storia del paese in cui si nasce sono gli occhi, la storia personale non sono altro che occhiali. A volte puliti, a volte sporchi. A volte con la gradazione sbagliata.

LA COLPA
Il mondo assomiglia sempre di più ad una sala d’aspetto. Si attende il proprio turno e intanto, con dei perfetti sconosciuti con i quali aspettiamo, ci improvvisiamo scienziati, politici, sociologi, psicologi. È il modo più comodo di ricercare i moventi e le cause di alcuni fenomeni che non riusciamo a ricondurre a noi stessi. Quando ci rendiamo conto che la nostra teoria è sbagliata … è arrivato il nostro turno. Troppo tardi!

PICCOLA STORIA
Amare la luna significa amare il cielo che la contiene, come amare un fiore vuol dire non saper prescindere dall’odore profondo della terra, secca o umida che sia. Amare un’entità è sposarne i contorni, il contesto, in un tutto imprescindibile.  Della rosa, amarne anche le spine.

LE VETRINE
L’amore colpisce, senza preavviso, senza ragione, senza principi di base. L’unica cosa che l’amore individua è la direzione. Quando il nostro cammino incontra la traiettoria è fatta: o meglio, è finita! E allora i sensi e  le percezioni cambiano, diventano cangianti, gli umori altalenano e si poggiano come una nebbia davanti agli occhi … fino a non farci riconoscere noi stessi, specchiati … nelle vetrine!

BOLOGNA A.D. 2012
Una cartolina dal capoluogo Emiliano, dopo dieci anni di vita passati a studiare, a lavorare, a ridere, a piangere, a crescere per ritornare bambino, disincantato ed ingenuo dinanzi ad alcune politiche che si credevano lontane anni luce dalla modernità, dall’arte, dallo sbandierato senso di comunità.

OLTRE
A volte due occhi non bastano per considerarsi vedenti. Le diottrie non misurano la sensibilità, non possono considerarsi termometro di qualcosa che è intangibile, immisurabile. Il caso fortuito del bambino che lancia la palla oltre il suo giardino e scopre un eden meraviglioso da sempre ignorato è l’emblema del non cercato, del non sperato ma che ci apre un mondo meraviglioso.

TANGO
La parola è una donna sfuggente. La si cerca disperatamente e proprio quando si ha la presunzione di averla trovata, si libra nell’aria nel suo mantello rosso e sparisce nei meandri più nascosti del nostro futuro. La vita intera non basta per trovarla, la vita intera diventa una missione fatta di silenzi ed echi lontani che lasciano presagire l’effimera illusione di una scoperta.

DE PROFUNDIS
La vita e la morte, due facce della stessa medaglia? Per me assolutamente no. Una rotaia lunga, a più stazioni, a più fermate, semmai. E prima dell’ultima fermata, tante piccole frazioni di questo paese infinito che è la vita. C’è chi vive da pendolare, c’è chi vive da turista. In ogni caso viaggiatori che, tra le cose in comune, ogni tanto hanno la necessità di andare in ritirata.

IL MIO COMPLEANNO
L’intreccio inestricabile di presente, passato e futuro. Forse ridersi addosso non è soltanto un amaro tentativo di auto commiserarsi ma un approccio alla vita che permette di rileggersi, di determinarsi e di scavare dei solchi su una terra che profuma di passato. E se il passato ci ha permesso di essere presente, forse  ci permetterà anche di diventare futuro? Forse no. Ma vale la pena provarci.

CREDITS
In ordine di apparizione

Massimo Donno: chitarra acustica, chitarra classica, ukulele, çifteli, voce
Maurizio Geri: chitarra solista
Giuseppe Spedicato: basso acustico
Ovidio Venturoso: batteria
Nilza Costa: voce
Gianluca Milanese: flauto traverso
Giuseppe Spedicato: basso acustico
Marcello Zappatore: chitarre acustica, chitarra elettrica, basso
Valerio Daniele: chitarra baritona
Guido Sodo: arpa celtica, voce
Francesco Del Prete: violino
Luca Barrotta: fisarmonica
Morris Pellizzari: chitarra solista
Emanuele Coluccia: sassofoni, tromba
Andrea Doremi: susafono
Emanuela Gabrieli: cori
Alessia Tondo: cori

un assaggio dagli house concert


Info e contatti:
3381200398
Facebook:







Nessun commento:

Posta un commento