giovedì 11 aprile 2013

Dal contrasto alla riflessione: quando un bacio non è un bacio e l'acqua santa non è santa




Con le due installazioni “Il bacio della buonanotte” e “La striscia di Gaza” l'artista genovese Paolo Lorenzo Parisi parteciperà alla Biennale internazionale di arte moderna e contemporanea “Ic Arts” che si inaugura il 21 aprile alle 15 nella sala espositiva “Foro Boario” in piazza Garibaldi a Nizza Monferrato. Curatrici della mostra Caterina Randazzo e Loredana Trestin, art director Anna Maria Ferrari. Ancora una volta Parisi stupisce, provoca, sconvolge e fa riflettere attraverso il contrasto tra sentimenti opposti (dolcezza/rabbia, tenerezza/angoscia) ispirato dalla cronaca contemporanea o dalla storia del Novecento e giocato sempre sul filo della dissacrazione.   

Installazione “La striscia di Gaza” - Una cartuccera viene riempita con le Madonnine di Lourdes contenenti acqua santa, oggetti già usati in varie installazioni, e posata su un letto di guanti di lattice, oggetto di culto di Paolo lorenzo Parisi. La provocazione segue una serie di opere già presentate a Barcellona con i “Pappa Boys” (orsetti di pelouches riempiti di guanti e ricuciti da filo chirurgico), “La culla cinese” (installata a Palazzo Zenobio a Venezia), le foto “Oro Blu la Guerra Santa” (presentate dopo varie mostre a Caserta al Castello di Casapozzano) e le Torte Contemporanee esposte in Italia e all'estero.

Installazione “Il bacio della buonanotte” - una mazza da baseball in legno viene rivestita dalle stagnole pubblicitarie dei famosi cioccolatini “Baci Perugina”. Il riferimento è a tutto ciò che si opera nell'oscurità della nostra vita sociale, familiare e pubblica, ma le suggestioni e le interpretazioni emotive offerte all'osservatore possono essere molteplici. Anche quest'opera viene posata su un letto di guanti di lattice. Una curiosità: inizialmente il famoso cioccolatino venne chiamato “Cazzotto” e solo in seguito  diventò “Bacio”, quasi una premonizione dell'opera.

Paolo Lorenzo Parisi – Biografia (www.paololorenzoparisi.com)

Nato a Genova nel 1956, vive e lavora a Genova. Da sempre interessato alla pittura e, in particolare, ai maestri del '900, negli anni '90 è particolarmente apprezzato e stimato dal critico d'arte Giuseppe Mortara, dalla scrittrice Milena Milani, che lo presenta in varie mostre collettive e personali in Italia e all'estero, e dalla gallerista Rosa Leonardi, esperta d'arte contemporanea.  La sua necessità d'espressione non si manifesta solo con la pittura ma anche nel campo dell'arte concettuale: così collabora con la Galleria Passo Blu di Federica Barcellona esponendo le sue installazioni in diverse manifestazioni a Genova, Milano, Barcellona. Successivamente collabora con le gallerie genovesi Artrè Gallery di Bruna Solinas, Il Cancello e, negli ultimi anni si è intensificato il rapporto con la Studio44 e con Immagine e colore con varie collettive e personali. Tra le sue personali più significative, "Ho rivisto Elvis" (Galleria d'arte contemporanea Il Cancello, Genova 2009) e "Doppiasclero" (Galleria Studio 44, Genova 2008), entrambe di carattere concettuale. Diverse opere di Parisi sono presenti in spazi espositivi in Italia e all'estero. Grande successo ha riscosso tra il 2011 e il 2012 la sua installazione “Torte contemporanee” in Svizzera, a Genova, a Londra e a Venezia. A maggio 2012 è stato ospite della galleria ArtWindow di Barcellona con l'installazione “Pappa boys” e con una perosnale alla galleria Immagine e colore gallery di Genova insieme a Maurizio Roman Melis.


Per ulteriori informazioni e per interviste:
Ufficio stampa di Paolo Lorenzo Parisi
dott.ssa Alessandra De Gregorio, 339-8906436

Nessun commento:

Posta un commento